Tutte le mie piccole cose sono realizzate interamente a mano, con grande cura per i dettagli e infinito amore. Tutto questo rende ogni oggetto unico nel suo genere e quindi prezioso per chi lo riceve.
Se hai visto qualcosa che ti ha colpito o desideri una creazione personalizzata per regalarti o donare un oggetto davvero speciale, magari per celebrare una ricorrenza importante,
mandami una mail all' indirizzo nellacasadisara@yahoo.it .
Sarò felice di esaudire il tuo desiderio.

Le mie amiche

sabato 12 novembre 2011

12 Novembre 2000

Questa è la storia di un tappo, un tappo di sughero, un tappo di spumante, ma più che altro un tappo  importante.
Il tappo se ne stava ben attaccato al collo della bottiglia...e che bottiglia!!!
I suoi fratelli erano stati assegnati a mediocri vini con bollicine artificiali, dozzinali imitazioni da supermercato, ma lui no, lui era finito sul principe degli spumanti italiani.
Trascorreva il suo tempo, dentro il frigorifero del bar, pregustando l' istante in cui lo avrebbero fatto volare in alto con un enorme botto...ah, quante volte aveva sentito parlare di quel leggendario momento.
E un freddo pomeriggio di novembre la sua attesa finì: un paio di mani presero la bottiglia e la consegnarono ad un altro paio di mani che cominciarono a scuoterla.
"Hei! Piano!"
Esclamò il tappo ma nessuno lo ascoltò e pochi secondi dopo schizzò verso il soffitto dove prese una tremenda testata per poi cadere al suolo stordito.
"Che dolore! Ma dove sono finito? Ma...non mi lasceranno mica qui per terra?"
Piagnucolò il tappo con un filo di voce.
Mentre così si interrogava qualcuno lo raccolse e quattro ventenni cominciarono a scriverci sopra i loro nomi.
"Hihihihi...piano ragazzi, così mi fate il solletico"
Poi una ragazza lo prese, lo adagiò nel taschino della borsa, lo portò a casa e lo mise in un piccolo portagioie.
Sono passati undici anni e il tappo è ancora lì, a ricordare al Mao e alla Sara la sera di undici anni in cui si sono conosciuti, durante un appuntamento al buoi a cui nessuno dei due voleva andare e che, col senno di poi, direi che è stato un' ineguagliabile successo.
Questo cofanetto sarà il regalo di compleanno per una signora tedesca di nascita ma italiana di adozione, che, a detta dell' amica che lo ha commissionato, ha un cuore davvero grande.
La Sara augura a questa signora e a tutti quelli che hanno un portagioie di avere la fortuna di riempirlo non con oro e diamanti ma con oggetti davvero preziosi come il suo vecchio tappo.






Buon week end a tutte.

8 commenti:

la_sabp ha detto...

che post romantico.... ^_*

Bia ha detto...

Che bellissimo e romantico post!! Condivido l'idea che a volte piccoli oggetti banali possono valere molto di più dei gioielli...Stupendo anche il cofanetto sarà apprezzatissimo!!
Un bacino da Bia.

ely ha detto...

Che bella storia e che bello il tuo augurio!!!!!! Bella anche la scatola, naturalmente!!! Buon fine settimana!!! Elisa

elenaefederica ha detto...

Che bella storia! E che bel cofanetto, degno di portare dentro un ricordo così prezioso!

Buona domenica,
elena

pepetta ha detto...

Ciao Sara, arrivo qui dal blog di Fede.
Inizio subito a farti i complimenti per le belle cose che crei, e poi, soprattutto per la tua simpatia!
Ho letto tutti i tuoi "ti amo perché?" e mi hai fatto sorridere!

bacioni

sonia

ps. ahhhh le suocere......tasto dolente!

m.cristina ha detto...

troppo belle queste fragole
ne avevo in mente per riempire il mio cestino della frutta in cucina che è sempre vuoto
come posso provare a farle?
ciao
Cristina

danielainrosa ha detto...

ciaooo saraaa bello il tuo cofanetto 6 davvero brava... ci sentiamo su face ciaoo

Ирина ha detto...

GREAT!!!